ChiSiamo News Contatti
  Impianti Conto  
Prodotti Offerte Lavora Sponsor TV FAQ Brochure

I Nostri Prodotti - Fotovoltaico



Fotovoltaico



Funzionamento e Tecnologia
La tecnologia fotovoltaica (FV) consente di trasformare direttamente la luce solare in energia elettrica.
Alcuni materiali come il silicio, opportunamente “trattati” a livello atomico, possono produrre energia elettrica se colpiti dalla radiazione solare.

La parola "fotovoltaico" deriva da: foto=luce; voltaico=elettricità da Alessandro Volta (inventore della pila elettrica) e significa elettricità prodotta attraverso la luce.
Il dispositivo più elementare capace di operare una conversione dell'energia solare è la cella fotovoltaica.
L'energia prodotta prende il nome di potenza di picco (Wp).
Le celle fotovoltaiche collegate tra loro formano un "modulo" in grado di trasformare la luce solare direttamente in energia elettrica.
Ogni modulo è costituito generalmente da 36 celle, ha una superficie di circa mezzo metro quadrato ed eroga in condizioni standard una potenza di 50 Watt.




Materiali e caratteristiche


Considerando la tecnologia piu' diffusa che si basa sull'uso del silicio esistono tre tipi di moduli fotovoltaici

Il modulo monocristallino e' costituito da Silicio i cui atomi sono perfettamente allineati e garantiscono la massima conducibilita'.
Una cella di un modulo al silicio monocristallino è costituita da un singolo cristallo di silicio, il che garantisce una massima conducibilità dovuta al perfetto allineamento degli atomi di silicio allo stato puro.
Maggiore è la purezza del materiale, maggiore è il rendimento, che nel caso di pannelli al silicio monocristallino si aggira attorno al 15%. La produzione delle celle e' estremamente onerosa e di costo elevato;



Il modulo policristallino e' costituito da Silicio i cui atomi sono disposti in maniera disordinata.
Le celle di un pannello in silicio policristallino (o multi-cristallino)sono costituite da un insieme di più cristalli di silicio;
ciò rappresenta una minore purezza che va ad influire sul rendimento del pannello stesso, infatti il rendimento di un pannello policristallino si aggira intorno all' 11% - 14%. Il costo della cella e' solitamente inferiore;



Il modulo a film sottile o thin film e' un supporto rigido o flessibile, di plastica, lamiera o vetro su cui vengono spruzzati gli atomi di silicio.
I moduli fotovoltaici a film sottile vengono realizzati tramite la deposizione del materiale semiconduttore su un supporto di tipo vetroso, per i pannelli rigidi da utilizzare all'aperto; oppure di plastica, nel caso di pannelli flessibili per utilizzi meno convenzionali.
Il modulo in film sottile viene realizzato in maniera monolitica e non richiede l'assemblaggio di più celle, come nel caso di pannelli in silicio cristallino, inoltre la quantità di materiale semiconduttore presente nel pannello risulta notevolmente inferiore rispetto ai pannelli realizzati con celle standard riducendo i costi di produzione, d'altro canto, il materiale depositato risulta avere una elevata difettosità e di conseguenza i pannelli in film sottile avranno un rendimento inferiore rispetto ai loro equivalenti monocristallini. La quantita' di silicio utilizzata e' molto bassa e di conseguenza i pannelli sono piu' economici e il loro grado di efficienza e' il piu' basso.




Elementi principali di un impianto fotovoltaico


Pannelli Fotovoltaici: disponibili in diverse tecnologie; i pannelli fotovoltaici vengono tra loro collegati in serie, andando a formare una stringa, l 'insieme delle stringhe realizza il campo fotovoltaico;


Inverter: è il dispositivo di conversione della corrente continua (CC) prodotta dal campo fotovoltaico in corrente alternata (CA) a tensione e frequenza opportuna, dipendente dai valori imposti dagli standard nazionali;


Quadro Elettrico: è il quadretto in cui vengono effettuate le connessioni delle stringhe ed inseriti i sistemi di protezione come da normativa;


Strutture di sostegno: è l'insieme dei profili metallici ( generalmente in alluminio), dei ganci, e delle varie minuterie che vanno a costituire il sostegno da adagiare alla superfice a disposizione per il campo fotovoltaico;


Cavi: utilizzati per i collegamenti elettrici, non si usano cavi uguali per i diversi collegamenti realizzati all' interno di un impianto fotovoltaico, ad esempio per il collegamento dall' inverter al contatore di produzione si utilizza un cavo schermato antifrode di opportuna dimensione;


Contatori di produzione e scambio: il contatore di produzione visualizza l' energia prodotta dal campo fotovoltaico, in base a tale valore si ottiene l' incentivo valutato per kWh prodotto. Il contatore di scambio visualizza l'energia immessa in rete attraverso il campo fotovoltaico ed eventualmente l' energia prelevata dalla rete. In base al valore dell' energia immessa, visualizzata sul contatore di scambio, sarà corrisposto un controvalore economico in base alla valutazione dell' energia elettrica sul mercato libero;



Hai ancora dubbi? consulta le FAQ Fotovoltaico



Torna alla pagina dei prodotti